Uncategorized

Gli uomini sono le nuove donne? (Il sessismo al contrario)

uomini

Sto seguendo una pagina facebook che si chiama “Gli uomini sono le nuove donne”. All’inizio mi faceva morire dal ridere e mi faceva sentire meno sola nelle mie disavventure con gli uomini, ma ultimamente la tendenza a una deriva vittimistica, oltre ad annoiarmi, mi dà lo spunto per alcune riflessioni.

Per chi non la conoscesse, in questa pagina vengono postati screenshot o stralci di conversazioni tra uomini e donne, che regalano uno spaccato non proprio confortante dell’attuale mondo maschile.
Da quello che non si sente di uscire perchè non ha il capello a posto, a quello che non vuol far dispiacere la mamma e ancora a chi conosce, meglio di noi, i segreti dell’epilazione.
Insomma ce n’è per tutti i gusti per farci sbattere la testa contro il muro e farci giungere alla rassegnata consapevolezza che ormai il sesso forte è finito e che quel cromosoma Y sta lì solo per presenza.
Spesso, però, le testimonianze delle donzelle risentite parlano più di rifiuti tra le righe, non ammessi esplicitamente e mascherati da scuse improbabili, che noi donne non riusciamo ad intercettare. E allora lì, belle mie, il problema è solo nostro. Se uno non ci vuole non ci vuole. Non è che solo perchè abbiamo un apparato riproduttivo compatibile col loro, ci debbano sistematicamente saltare addosso, pena il rischio di essere bollati come gay o “non abbastanza uomini”. In questi casi magari sarebbe bene farsi due domande.
L’altra cosa che mi ha fatto riflettere è che a volte, da queste conversazioni, o anche dai commenti, viene fuori una certa forma di linciaggio volto a ridicolizzare quegli uomini che si dimostrano indecisi, poco sicuri, o che magari hanno solo voglia di non correre troppo.
In fondo non è sessismo anche questo? Pensare che un uomo non possa avere paura di mettersi in gioco, paura di affrontare una relazione, paura di soffrire o che voglia dare al rapporto un significato più profondo, proprio come succede a noi.
No. Se non ci provano la prima sera hanno qualche problema. E magari qualche problema ce l’abbiamo noi adesso. Che non riusciamo più a stabilire un contatto con l’altra metà del cielo, che siamo troppo egocentriche, egoriferite e centrate solo sul nostro passato, sulle nostre delusioni, sulle nostre esigenze, da non pensare che anche dall’altra parte esistono gli stessi dubbi e le stesse incertezze e-perchè no?-anche le stesse paure.
Come ci siamo volute spogliare a tutti i costi da un certo modello di femminilità che la società ci ha imposto, emancipandoci dalla figura della donna buona a stare solo in cucina, allo stesso modo dovremmo permettere anche al sesso forte di poter mostrare le proprie debolezze e di spogliarsi da stereotipi altrettanto radicati, senza correre il rischio di essere derisi o ingabbiati in categorie ed etichette.
Solo in questo caso si potrà parlare di vera parità.
Il resto è solo femminismo da salotto.

 

 

Annunci